Comune di Anzio (RM)

‘Recupero di un Passato Scomparso' (Mostra archeologica) 22 dicembre 2013 - 19 gennaio 2014. Inaugurazione domenica 22 dicembre ore 11:00 al Museo Civico Archeologico - Villa Adele

Comune di Anzio - Medaglia d\'oro al merito civile
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
..
Amministrazione Trasparente
Albo pretorio on line
Contatta il Comune - Scrivi agli uffici del Comune
Errore in questo richiamo o elenco. L'oggetto non è più presente in archivio, o il criterio usato è incompatibile.
Notizie
Home Page » Documentazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati
..
dom , :
2217
17-12-2013 -

La mostra dal titolo: Recupero di un Passato Scomparso, curata dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio, il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e il Museo Civico Archeologico di Anzio, si prefigge lo scopo di restituire e valorizzare un patrimonio archeologico sottratto illecitamente attraverso modalità e tempi diversi alla nostra eredità culturale. L’interessante mostra, unica nel suo genere, offre a tutti una insolita opportunità di conoscere storie affascinanti che soltanto i materiali archeologici, di rara bellezza, riescono a raccontare, opportunità nate dall’impegno profuso dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale che da anni vigila e tutela il nostro territorio. Il comportamento antisociale di coloro che vivono i materiali archeologici come oggetti di commercio a fini e beneficio privatistici, ci procura danni irreparabili. I materiali fruibili in questa mostra, sono in prevalenza provenienti da necropoli o da corredi funerari e coprono un periodo che va dal VII al VI secolo a.C.. Ciò si evince anche dalla lettura del percorso, un percorso cronologico che parte dai vasi biconici in impasto, vere e proprie urne cinerarie di IX secolo a.C., e prosegue con i corredi delle sepolture. Tali oggetti sono riferibili al rituale del consumo del vino: la coppa, il calice, il kantharos per bere, l’oinochoe e l’anfora per versare e trasportare. Da un esemplare di bucchero esposto, risulta significativo un restauro ‘illegale’, fatto esclusivamente per rendere il vaso più bello ma con un’operazione inadeguata che ne ha alteranto la forma originale. Interessante poi il rinvenimento di due scudi fittili in impasto, di natura rituale, probabilmente pertinenti al corredo di una tomba principesca di prima metà di VII secolo a.C.. Sempre da corredi di tombe, di area etrusca e magno-greca, sono gli splendidi vasi a figure rosse legati al rituale del consumo del vino, che sono datati dalla fine del IV secolo a.C. Si tratta sia di vasi per bere, piatti e kylikes, ricchi di decorazioni sovradipinte, sia di contenitori tipici per mescolare e versare il vino come oinochoai, crateri e anfore. Le figure rappresentate su questi vasi rivelano il gusto degli antichi per le rappresentazioni del mito: si notano, infatti, diverse scene con Dioniso e figure femminili, alcune alate, altre danzanti e in generale che offrivano doni, secondo la concezione del mondo antico per cui nell’ambito della morte si celebra la vita. Gli altri materiali presenti nella mostra hanno pertinenza a contesti votivi, come le tipiche offerte medio - repubblicane (IV-III secolo a.C.) che rappresentano teste e statuette di devoti. Sono espressioni di una religiosità popolare che chiedeva alle divinità protezione per uomini ed animali, come rivela la statuetta di bovino in argilla. I bronzi sono provenienti sia da tombe che da depositi votivi: specchi, fibule, punte di lancia e bacili sono oggetti tipici che accompagnavano i corredi femminili e maschili. Sicuramente votive sono le due statuette di devoto e di guerriero e la clava di Ercole, una chiara offerta al dio.Gli oggetti del periodo imperiale (I –II secolo d.C.) sono pochi e di piccole dimensioni: si tratta di strumenti chirurgici, chiavi e frammenti di serrature in bronzo, pedine da gioco e unguentari in vetro. Infine, numerose lucerne arricchiscono questo contesto cronologico, in particolare su di una lucerna è raffigurata una scena erotica, con figura maschile e femminile su letto (kline), ben attestata a Pompei e che rappresenta un altro aspetto della vita secondo la concezione romana. Il patrimonio archeologico, parte integrante della nostra cultura, dove essere considerato un bene comune e non mero oggetto di lucro, in quanto la distruzione del contesto dal quale il materiale proviene rappresenta un danno per la ricostruzione della nostra storia e della nostra identità culturale. Grazie al lavoro importantissimo del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale siamo riusciti a riappropriarci di una ricchezza incommensurabile di cui tutti i cittadini sono legittimi proprietari ed eredi.

"In qualità di primo cittadino di Anzio e a nome di tutta l’Amministrazione comunale, ringrazio sentitamente il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e tutto il personale che ha tutelato con professionalità e grande senso del dovere, il nostro territorio. A queste persone oltre la mia e nostra riconoscenza morale sarà presto assegnato un tangibile riconoscimento per i meriti resi nei confronti della salvaguardia del patrimonio sia anziate, sia nazionale".

Il Sindaco di Anzio
(Luciano Bruschini)

 


Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

2315
15-05-2019 -
Che bravi questi ragazzi che hanno portato a termine la loro impresa! Sono le studentesse e gli studenti del secondo anno dell’Istituto “De Pinedo – Colonna”, Sezione Nautica Anzio ....
2217
14-05-2019 -
Si è svolto domenica scorsa, a Riardo, in Provincia di Caserta, il Raduno dei Complessi Bandistici che ha visto protagonisti dell'importante evento circa quaranta musicisti, della Banda Musicale ....
2471
14-05-2019 -
Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale CONFERENZA/MOSTRA “Storia&Storie di un patrimonio ....
2523
13-05-2019 -
Al via le riprese di Burraco Fatale, il nuovo film di Giuliana Gamba, prodotto dalla Fenix Entertainment con Rai Cinema, e in coproduzione internazionale con la società Moroco Movie Group Karl Au. ....
2524
13-05-2019 -
"Gentilissimo Dottor Parente, La ringrazio molto per l'attenzione, l'affetto e la stima che la Città di Anzio ha mostrato nei miei confronti tramite il Sindaco, Candido De Angelis. Accolgo con entusiasmo ....
2465
08-05-2019 -
"Complimenti al Ristorante Romolo al Porto, tra le migliori eccellenze enogastronomiche di Anzio ed a Walter e Marco Regolanti che, a Palazzo Farnese, alla presenza dell'Ambasciatore di Francia, hanno ....
2473
06-05-2019 -
Domenica 12 maggio, ad Anzio, in Piazza Garibaldi, dalle ore 10.30 alle ore 18.00, si terrà la quarta edizione della Manifestazione “Pompieropoli - Diventa per un giorno un piccolo pompiere", ....
2465
05-05-2019 -
"Tanto lavoro per una Città turistica per poi dover prendere atto che, in un attimo, alcuni vandali hanno deturpato uno dei luoghi simbolo di Anzio, sulla Riviera Mallozzi, danneggiando la balaustra ....
2473
02-05-2019 -
Grande successo, nel giorno della Festa dei Lavoratori, per il Concertone del 1 maggio "Anzio musica in Piazza", che ha visto protagoniste le Band locali e tanti giovani emergenti, che si sono esibiti ....
2520
02-05-2019 -
"Ero giovane mettevo i dischi a Radio Anzio Costiera. Alla Radio ci arrivavo a piedi da Santa Teresa, attraverso il Bottaccio con il cuore in gola". E' uno dei tanti ricordi di Anzio del Cantautore, Antonello ....

Comune di Anzio - Piazza Cesare Battisti, 25 00042 Anzio (RM) - Telefono +39.06.984991 Fax +39.06.9830975
Posta elettronica certificata (Pec) protocollo.comuneanzio@pec.it

Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta Elettronica Certificata - Accesso Utente

Il portale del Comune di Anzio (RM) è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Anzio (RM) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it